AddThis Social Bookmark Button
Visitatori ...
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi56
mod_vvisit_counterIeri6885
mod_vvisit_counterQuesti 7 gg.19586
mod_vvisit_counterScorsi 7 gg.21104
mod_vvisit_counterQuesto mese34606
mod_vvisit_counterScorso mese98191
mod_vvisit_counterDal 01/04/20105273576

Online : 97
Il tuo IP: 35.168.112.145
,
11-07-2020
TNG News ...
Giornate Promo
Prossima Giornata Promozionale Monge 3 APRILE 2020
Che tempo fa?
Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Traduci
English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Hebrew Slovak Ukrainian Albanian Turkish
Home Angolo dei Consigli Cose da fare Le malattie delle piante Marciumi basali

PostHeaderIcon Marciumi basali

Marciumi basali

Caratteristiche:
E’ una malattia molto comune delle piante orticole e floricole ornamentali causata da vari funghi presenti nel terreno. Vengono colpite le radici, il punto di attacco delle radici al fusto (colletto) e la base del fusto.

Sintomi:
Per le erbacee quelli più evidenti sono dati da un rapido appassimento e disseccamento della parte aerea delle piante, che spesso si piegano e si distaccano con estrema facilità dal terreno. Si può constatare che la parte basale del fusto e le radici sono di colore bruno e totalmente marcescenti. Nel caso di alberi ed arbusti si nota un generale e progressivo ingiallimento e deperimento della chioma con caduta delle foglie.

Difesa:
La difesa è efficace se condotta in via preventiva o alla prima comparsa dei sintomi: è importante non esagerare nelle annaffiature e, nel caso di giardini, predisporre un drenaggio se il terreno è particolarmente compatto. Si consiglia di ripetere 2 o 3 trattamenti a distanza di 2 settimane per le piante erbacee. Se l’attacco è già avanzato occorre togliere le piante colpite e distruggerle. Per i semenzai o nel caso di reinvasi si può preventivamente disinfettare il terreno.